AssicurazioniAuto

Assicurare un veicolo d’epoca, sì, ma come? Gli step necessari

Appassionati di auto storiche, moto d’epoca e tutto quanto abbia a che fare con i motori del passato? Che amiate in tutte le sue sfaccettature il mondo dell’automobile storiche – solo per fare un esempio – o che siate dei veri e propri fanatici collezionisti di vetture, sarete di certo informati su tutto ciò che riguarda l’assicurazione del vostro, o dei vostri, mezzi. Se volete far circolare il vostro bolide d’annata per le strade, o se siete tra gli amanti dei raduni e delle rievocazioni a bordo della vostra due o quattroruote, è molto importante prestare attenzione all’aspetto assicurativo. In poche parole, senza una giusta polizza, non potrete dedicarvi alla vostra passione, e i termini per stipulare un contratto assicurativo sono differenti rispetto a quelli previsti per una normale macchina o motocicletta.

La certificazione

Per poter assicurare il vostro mezzo d’epoca, sarà necessario adeguarsi a delle speciali formule assicurative previste dalle varie compagnie di assicurazione, tra le quali potrete scegliere, per trovare le condizioni economicamente migliori e più vantaggiose. Anzitutto, però, è indispensabile che il proprio veicolo risponda a delle specifiche caratteristiche per essere considerato, per l’appunto, d’epoca. Se il vostro mezzo è già certificato, non avrete grossi problemi, ma se la vostra automobile non dispone di alcuna attestazione ufficiale, non può rientrare nella specifica caratteristica. I controlli sono molto rigidi, perché come avrete avuto modo di venirne a conoscenza, i mezzi storici godono di particolari vantaggi dal punto di vista assicurativo.

In primo luogo, un’automobile o una motocicletta, per essere considerate d’epoca devono avere almeno 20 anni di vita e devono versare in ottime condizioni: lo stato della carrozzeria, degli interni, ma anche degli impianti deve essere ottimale. In secondo luogo, per poter stipulare una polizza per una vettura d’epoca, è necessario aver compiuto 23 anni. Se i requisiti minimi sono soddisfatti, è possibile procedere con la certificazione vera e propria, iscrivendo il veicolo all’ASI, che ne proverà la storicità, oltre ad entrare a far parte di un club o di un’associazione di veicoli federati all’ASI. Si tratta di una pratica talvolta piuttosto dispendiosa, ragion per cui negli ultimi anni il RIVS (Registro Italiano Veicoli Storici) mette a disposizione una certificazione low cost, che tuttavia non è riconosciuta in tutte le regioni italiane.

La pratica assicurativa vera e propria

Superati tutti gli ostacoli e li orpelli di natura burocratica, è possibile rivolgersi alla propria compagnia assicurativa, o comunque ad una reputata adeguata per assicurare il proprio veicolo. A questo punto, è indispensabile fornire alla compagnia tutti i documenti comprovanti lo status “d’epoca” del proprio mezzo, sia esso a 2 o 4 ruote, pena l’impossibilità di procedere con le pratiche. Come abbiamo già avuto modo di dire, i pacchetti assicurativi sono più vantaggiosi e sgravati, con un risparmio molto consistente sulla normale assicurazione di una vettura “normale”. Ma c’è di più, perché i veri appassionati, coloro i quali dispongono di più mezzi d’epoca, possono fruire di particolari formule assicurative, che garantiscono la copertura alla totalità dei veicoli. Con un risparmio conseguente molto elevato.

Tags

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button